Eventi

12 Ott 2017

Vandana Shiva è intervenuta nel contesto della rassegna di iniziative della Settimana dell'Agricoltura organizzata da numerose associazioni locali con l'appoggio del Comune e della Provincia di Bergamo.

 

“Il cibo dev’essere democratico”

Di Marta Gatti - Radio Popolare, 8 novembre 2017

[...] L’agricoltura basata sulla biodiversità fa a meno della chimica, fa a meno dei carburanti fossili. Quando si pratica la biodiversità non si producono rifiuti, la diversità garantisce il controllo sulle erbacce e quindi non serve il glifosato. Quando c’è diversità non c’è bisogno di pesticidi perché la varietà delle piante comporta una molteplicità di insetti e sono loro a garantire il controllo sui parassiti. Quindi tutti i prodotti chimici possono essere rimossi coltivando diversità biologica. Inoltre più c’è biodiversità nel sistema più carbonio viene fissato attraverso la fotosintesi. Più c’è biodiversità più il sole sarà in grado di convertire l’anidride carbonica in carbonio organico che assumiamo tramite il cibo e in parte torna al suolo. Tutto questo insieme avrebbe il potere di rimuovere i gas serra dall’atmosfera in 20 anni, se tutto il mondo si convertisse al biologico e garantisse la biodiversità. Leggi tutto

Vandana Shiva in Provincia

Provincia di Bergamo, 10 ottobre 2017

Vandana Shiva, celebre attivista nella lotta in difesa dell'ambiente e dei diritti dei contadini, premio nobel alternativo, è intervenuta martedì 10 ottobre 2017 nello Spazio Viterbi nel corso della conferenza stampa dal titolo "In nature's economy the currency is not money, it is life”, tratto dal suo libro "Earth Democracy: Justice, Sustainability, and Peace".​​ Leggi tutto


«Il G7 resterà a mani vuote» L’affondo della superospite

Di Gisella La Terza - Corriere della Sera (Bergamo / Cronaca), 11 ottobre 2017

«Sappiate che il G7 uscirà a mani vuote — ha dichiarato ieri Vandana Shiva in Provincia —. Voi, come ente locale, associazioni di agricoltori e associazioni sociali, dovete dimostrare qual è veramente la soluzione per il futuro» [...] «Io sono tra quelli che pensano che creare il G7 sia stato prima di tutto un errore, perché come possono 7 Paesi credere di essere più importanti degli altri? E come può questo gruppo di 7 decidere per il mondo intero? Perché non decidono solo per loro stessi, come leader dei rispettivi Paesi?» [...] «I piccoli produttori, che da soli sono la metà della popolazione del mondo, devono essere presi in considerazione. Le donne, che sono le maggiori produttrici di cibo, devono essere ascoltate. I bambini, il cui futuro è in gioco, dato che si sta distruggendo la loro salute, devono essere presi in considerazione». Leggi tutto


Vandana Shiva incontra il sindaco di Bergamo Giorgio Gori

Bergamo News, 11 ottbre 2017


Vandana Shiva incontra sindaco Bergamo

Ansa, 12 ottobre 2017


L'attivista Vandana Shiva incontra il sindaco di Bergamo Gori, ecco cosa si sono detti

Montagne e Paesi News, 12 ottobre 2017

L'attivista indiana ha criticato i modelli globali industriali, che denotano tutti i loro limiti da un punto di vista ambientale e dei cambiamenti climatici, soprattutto perché generano un'enorme quantità di rifiuti e inquinamento. Shiva ha infine sottolineato, raccontando i problemi e le contraddizioni della situazione indiana, come dall'esperienza di Bergamo, con i modelli del biodistretto e del tavolo dell'agricoltura, possa realizzarsi un modello locale da cui partire per costruire una rete internazionale di Comunità, di regioni e di città in grado di lasciarsi alle spalle modelli agricoli che fanno uso di prodotti chimici e di affermare un nuovo paradigma ecologico, basato sull'economia circolare. Leggi tutto


Il messaggio per i leader del G7 da Vandana Shiva, a favore della biodiversità, agricoltura sociale e comunità locali

AIAB, 14 ottobre 2017


Contenuti correlati

Un’agricoltura e un’alimentazione senza veleni: rinnovare la biodiversità, coltivare biologico


Partecipa anche tu con una donazione ai nostri progetti

Aiutaci a sostenere un cambiamento nel quale l’agricoltura possa conciliare economia ed ecologia, conoscenze scientifiche e conoscenze tradizionali e dove l’economia sia al servizio delle persone e del pianeta.

FAI UNA DONAZIONE
Utilizziamo cookie tecnici e di profilazione (anche di terze parti) per migliorare la tua esperienza su questo sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie; in alternativa, leggi l'Informativa Estesa e scopri come disabilitarli.